Clini: Fondo rotativo per Kyoto aperto dal primo marzo

Versione stampabileInvia a un amico
di Ignazio Cusimano

Il ministro dell'Ambiente Corrado Clini ha finalmente annunciato la possibilità per gli operatori di accedere dagli sportelli bancari al Fondo rotativo per Kyoto. Tutto questo è possibile a partire dal prossimo primo marzo. Il ministro dell’Ambiente ha annunciato l'apertura del Fondo nel corso della sua audizione alla commissione Ambiente della Camera.
Il Fondo rotativo per Kyoto è finalmente pronto per partire. Lo stesso ministro Clini annuncia inoltre che sarà presentato il prossimo 16 febbraio, insieme alla Cassa depositi e prestiti e all’Abi.

Il Fondo rotativo per Kyoto di 600 milioni di Euro era stato istituito nel 2007, durante il governo Prodi: dopo 5 anni potrà essere sfruttato questo ingente fondo per fornire prestiti a tasso agevolato - 0,5% - a pmi o privati che abbiano intenzione di investire su fonti rinnovabili e fonti energetiche pulite. Sarà in oltre possibile fare richiesta di finanziamento per scopi di ricerca e sviluppo nel medesimo campo, con obiettivo unico di ridurre le emissioni di CO2.
Ermete Realacci, responsabile per la green economy del PD, spende parole di elogio per l'apertura del Fondo:"È positivo che il ministro Clini abbia confermato il via libera ai 600 milioni di euro del Fondo per Kyoto, stanziati dal governo Prodi e mai utilizzati. A questi si possono anche aggiungere il 50% dei diritti di emissione di CO2 che dal 2012 ammonterà a 400 milioni di euro all’anno".

Il calcolo è presto fatto, a partire da questo 2012 investitori pubblici e privati potranno richiedere cospicui finanziamenti a tasso agevolato favoriti dall'apertura del Fondo rotativo di Kyoto: 1 Miliardo di Euro a disposizione per la ricerca e la produzione di Rinnovabili in Italia.