Giornata Mondiale del Vento 2014

Versione stampabileInvia a un amico
Eolico Sicilia

Convengo ANEV “Eolico: come raggiungere gli obiettivi europei al 2030 tra falsi miti e fatti concreti” - 12 giugno 2014 ore 14.30 Auditorium del GSE

Il settore industriale eolico ha raggiunto oggi maturità, sia dal punto di vista tecnologico che dal punto di vista economico, consentendo alla fonte eolica di raggiungere la grid parity e di aspirare alla market parity. In un contesto internazionale sempre più caratterizzato dall’ incertezza degli approvvigionamenti di combustibili fossili e dalla necessità di porre rimedio ai cambiamenti climatici in corso, i pubblici decisori devono prendere atto dell’importanza strategica dell’energia eolica, che ha contribuito a creare sviluppo e occupazione, ad apportare benefici ambientali e a rendere più indipendente il nostro Paese dal punto di vista energetico. Questi i fatti concreti legati all’eolico, su cui spesso circolano falsi miti e dati non comprovati scientificamente.

Si auspica quindi che il Consiglio europeo, in procinto di prendere una decisione sul target europeo di incremento delle rinnovabili al 2030, introduca un obiettivo ambizioso e vincolante per i singoli Stati membri, per consentire ad un settore promettente come quello eolico di poter fornire ulteriori benefici all’Europa. In Italia il solo eolico crea ogni anno un flusso finanziario di circa 3,5 miliardi di euro fra investimenti diretti e indiretti; conta oggi oltre 34.000 addetti e con un adeguata crescita, si potrebbe giungere a oltre 67.000 addetti nel 2020. Per raggiungere questi obiettivi è indispensabile innalzare il target del 27% di rinnovabili in più al 2030 proposto dalla Commissione Europea e renderlo vincolante per i singoli Stati membri.

Sono stati invitati a parlarne: il Ministro dell’Ambiente Galletti, la Responsabile ambiente del PD Chiara Braga, il Presidente del Coordinamento FREE GB Zorzoli, il Direttore di Confindustria Energia Pierluigi Renzi, l’Ad di Terna Rete Italia Vittorio Armani, Carlo Stagnaro dell’Istituto Bruno Leoni, il Commissario AEEG Colicchio.

fonte: ANEV