Lr 15 febbraio 1999, n. 4

Versione stampabileInvia a un amico
Regione Friuli Venezia Giulia
Versione coordinata con modifiche. Testo vigente al 18-08-2010
 
Modifiche:
Lr 21 luglio 2006, n. 12 (24-07-2006)

Legge finanziaria 1999 - Stralcio - Incentivi per il risparmio energetico e l'utilizzo di fonti rinnovabili di energia

 

(omissis)

Articolo 8
Interventi nei settori economici

(omissis)

33. Al fine di contribuire al contenimento dei consumi energetici nei processi produttivi e favorire l’utilizzazione delle fonti rinnovabili di energia, l’Amministrazione regionale è autorizzata a concedere alle imprese industriali, artigiane, commerciali, turistiche e del settore dei servizi, contributi in conto capitale in regime di “de minimis” per realizzare o modificare impianti fissi o sistemi.

34. I contributi di cui al comma 33 sono concessi fino alla misura massima dell’80% delle spese ammissibili a favore delle piccole e medie imprese e, rispettivamente, fino alla misura massima del 50% a favore delle grandi imprese.

35. I contributi sono erogati previa presentazione della documentazione comprovante gli oneri effettivamente sostenuti dall'impresa per gli interventi di cui al comma 33.

36. I contributi possono, su richiesta, essere anticipati nella misura massima del 50% del loro ammontare previa presentazione da parte dell'impresa di idonea fideiussione bancaria o assicurativa. Per le modalità di presentazione della fideiussione si applica l'articolo 4 della legge regionale 4 gennaio 1995, n. 31 .

37. Possono essere ammessi a contributo gli interventi che conseguono un risparmio di energia attraverso una o più delle seguenti misure:

a) l’utilizzo di fonti rinnovabili di energia;

b) un migliore rendimento di macchine e apparecchiature;

c) la sostituzione di idrocarburi con altri combustibili.

38. Sono determinati con regolamento2 i criteri e le modalità per la concessione degli incentivi di cui al comma 33, tra i quali la potenza degli impianti ammissibili a contributo, i termini per la presentazione delle domande, i criteri di valutazione delle stesse e le procedure di concessione ed erogazione degli incentivi.

(omissis)

Articolo 26
Entrata in vigore

1. La presente legge entra in vigore il giorno della sua pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione ed ha effetto dal 1° gennaio 1999, ad eccezione degli art. 5, comma 21, e 9, comma 22, che hanno effetto dal 31 dicembre 1998.

 

Note:

1 Il testo dell’articolo 4, Lr 4 gennaio 1995, n. 3 “Norme generali e di coordinamento in materia di garanzie” (So n. 1 al Bur 9 gennaio 1995 n. 1) è il seguente:
"Articolo 4 - Fidejussioni prestate a favore della Regione - 1. Le fidejussioni prestate ai sensi degli articoli 1936 e seguenti del codice civile, a garanzia di obbligazioni assunte da terzi nei confronti della Regione, devono risultare da atto scritto con sottoscrizione autenticata.
2. Nel caso in cui al rilascio provvedano enti o società, deve essere preventivamente accertato il corretto esercizio dei poteri da parte del sottoscrittore.". torna su
2 Ved. decreto presienziale 7 novembre 2006, n. 345/Pres (Bur 29 novembre 2006 n. 48). torna su
Fonte: 

Ss n. 3 al Bur 16 febbraio 1999 n. 6