Dgp 15 giugno 2009, n. 1609

Versione stampabileInvia a un amico
Provincia di Bolzano
Testo vigente al 21-08-2010

Direttive ai sensi dell’articolo 127 comma 2 della legge urbanistica provinciale, legge provinciale 11 agosto 1997, n. 13 e successive modifiche (Riqualificazione energetica di edifici esistenti con ampliamento)

 

Visto l’articolo 127, comma 2, della legge provinciale 11 agosto 1997, n. 131 , modificato dall’art. 51 comma 3 della legge provinciale 9 aprile 2009, n. 1, che, per favorire iniziative volte al rilancio dell’economia e per introdurre incisive misure di semplificazione procedurale nell’attività edilizia, ammette interventi di ampliamento in deroga per edifici, già legalmente esistenti alla data del 12 gennaio 2005 o concessionati prima di tale data e destinati prevalentemente ad uso residenziale, purché l’intero edificio sia riqualificato energeticamente secondo lo standard Casa Clima C.

Considerato che lo stesso articolo affida alla Giunta provinciale il compito di emanare direttive:

a) sui criteri tecnici nonché sulle caratteristiche qualitative e quantitative che rispettivamente gli edifici esistenti devono già presentare per poter essere oggetto degli ampliamenti;

b) sui semplificati criteri procedimentali;

c) sui valori massimi di deroga rispetto ai limiti di cubatura, di distanze e di altezza degli edifici;

d) sui casi di esenzione dagli obblighi di convenzionamento;

e) sulle eventuali esenzioni dal contributo sul costo di costruzione e sugli oneri di urbanizzazione;

Visto che le presenti direttive debbono essere emanate di concerto con il Consiglio dei Comuni;

Ciò premesso,

La Giunta provinciale

Delibera

ad unanimità di voti legalmente espressi

le seguenti direttive:

Ai sensi dell’articolo 127, comma 2, della legge urbanistica provinciale, legge provinciale 11 agosto 1997, n. 13, modificato dall’art. 51 comma 3 della legge provinciale 9 aprile 2009, n. 1, è ammesso secondo le presenti direttive l’ampliamento di edifici esistenti purché l’intero edificio sia riqualificato energeticamente secondo lo standard Casa Clima C oppure soddisfi già questo standard:

1. L’ampliamento è consentito per edifici esistenti che alla data del 12 gennaio 2005 avevano una cubatura fuori terra legalmente esistente o concessionata di almeno 300 mc, destinata in misura superiore al 50% a scopo abitativo. Per il calcolo di tale percentuale la cubatura di cui all’articolo 108 della legge urbanistica provinciale non è considerata cubatura destinata a scopo abitativo.

2. L’ampliamento non è ammesso nelle zone di bosco e di verde alpino.

3. Il Consiglio comunale può determinare entro 30 giorni dall’entrata in vigore delle presenti direttive ulteriori ambiti nei quali non è ammesso l’ampliamento ed elevare la percentuale destinata a scopo abitativo di cui al punto 1 fino al 75%. Nei Comuni con più di 15.000 abitanti le predette determinazioni possono essere assunte dalla Giunta comunale.

4. L’ampliamento non è ammesso in caso di demolizione e ricostruzione. In caso di demolizione parziale l’ampliamento è ammesso se non viene demolita più del 50% della cubatura esistente fuori terra di cui al punto 1.

5. L’ampliamento deve essere destinato interamente per le destinazioni d’uso abitazione o abitazione convenzionata di cui all’articolo 75, comma 2, della legge urbanistica provinciale. L’abitazione ampliata o realizzata tramite l’ampliamento non può superare la superficie di 160 mq di cui all’articolo 42 della legge sull’edilizia abitativa agevolata, legge provinciale 17 dicembre 1998, n. 13 e s.m.

6. Qualora venga ampliata un’abitazione già convenzionata oppure agevolata secondo la legge sull’edilizia abitativa agevolata si applicano all’abitazione ampliata gli stessi obblighi vigenti per l’abitazione esistente in relazione al convenzionamento di cui all’articolo 79 della legge urbanistica provinciale e alla salvaguardia della funzione sociale ai sensi dell’articolo 62 della legge sull’edilizia abitativa agevolata, compresa la durata di questi vincoli. Qualora venga realizzata un’abitazione a sè stante, l’ampliamento è soggetto all’obbligo del convenzionamento ai sensi dell’articolo 79 della legge urbanistica provinciale.

7. L’ampliamento può essere approvato, con particolare riguardo alla tutela del contesto urbanistico, storico, architettonico e ambientale, osservando le seguenti prescrizioni:

a) è possibile derogare ai limiti di cubatura e di altezza degli edifici osservando tutte le altre disposizioni stabilite dalla legge urbanistica provinciale, dai regolamenti e dagli strumenti di pianificazione urbanistica.

b) l’edificio esistente può essere ampliato al massimo di 200 mc di cubatura fuori terra.

c) l’altezza ammissibile dell’edificio esistente può essere superata fino ad 1 m.

d) l’ampliamento di edifici soggetti alla tutela dei beni culturali o del paesaggio può essere approvato solo previo conforme parere della competente autorità.

e) per edifici siti in ambiti soggetti a tutela insiemi o nelle zone A sono da osservare le particolari caratteristiche che hanno originato tale tutela e destinazione.

8. L’ampliamento ha luogo indipendentemente e senza incidere su altri diritti edificatori vigenti ed è cumulabile con altri diritti edificatori, che possono essere realizzati anche contemporaneamente. Non sono cumulabili con l’ampliamento i diritti edificatori di cui agli articoli 108 e 128-ter della legge urbanistica provinciale.

9. L’ampliamento è soggetto al rilascio della concessione edilizia. Alla domanda di concessione deve essere allegato il calcolo di un tecnico autorizzato sul conseguimento per l’intero edificio almeno dello standard Casa Clima C di cui al Dpp 29 settembre 2004, n. 34. Alla domanda di rilascio della licenza d’uso deve essere allegato il certificato emesso dall’Agenzia Casa Clima attestante per l’intero edificio il conseguimento almeno di questo standard di efficienza energetica.

10. Nella concessione edilizia deve essere espressamente menzionata la presente deliberazione e le concessioni edilizie di ampliamento devono essere registrate dal comune in un apposito elenco.

11. Norme transitorie

a) Le domande di ampliamento presentate prima dell’entrata in vigore della presente deliberazione si considerano presentate il giorno dell’entrata in vigore della presente deliberazione.

b) I lavori di ampliamento devono essere iniziati entro il 31 dicembre 2010.

 

La presente deliberazione è pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione.

 

Note:

1 Bur 16 settembre 1997 n. 44. torna su
Fonte: 

Bur 7 luglio 2009 n. 28