Alla camera in via d'approvazione il decreto rinnovabili

Versione stampabileInvia a un amico

Documenti di approfondimento della Camera

Si avvicina il momento decisivo per il futuro delle rinnovabili in Italia. Sta per essere votato, infatti, dalle commissioni Ambiente e Attività produttive della Camera, il parere sul decreto legislativo che definisce la nostra politica energetica verso il 2020, come stabilito dall’Europa. Il risultato di Montecitorio, come segnalano diverse agenzie, dovrebbe essere un via libera con 36 condizioni e oltre 40 osservazioni. Tra queste ultime, le commissioni vorrebbero introdurre il cosiddetto “burden sharing”, una ripartizione degli obiettivi sulle rinnovabili per il 2020 su scala regionale, con premi e sanzioni alle amministrazioni virtuose e a quelle in ritardo. I relatori delle commissioni, inoltre, hanno pensato di limitare la speculazione sulle autorizzazioni per i nuovi impianti, con l’obbligo di versare una garanzia proporzionale all’investimento stimato evitando così prenotazioni a vuoto (semplici autorizzazioni da rivendere). Secondo un’altra osservazione, sarebbe opportuno spalmare gli incentivi alle fonti alternative sulla fiscalità generale, anziché appesantire le bollette.

Proprio gli incentivi sono uno dei nodi principali del provvedimento licenziato un bozza dal governo lo scorso novembre. Il testo prevede la cancellazione graduale dei certificati verdi dal 2013, sostituiti da tariffe fisse per i piccoli impianti fino a cinque Mw e da aste al ribasso per quelli di taglia superiore. Il Gse ritirerà annualmente i certificati rilasciati per il periodo 2011-2015, in eccesso d’offerta, a un prezzo pari al 70% di quello di mercato. Il decreto riprende il Piano d’azione nazionale (Pan) inviato lo scorso luglio alla Commissione europea; l’obiettivo finale è il 17% di energia rinnovabile sui consumi totali. Oltre alla riforma degli incentivi, il testo contiene varie misure per semplificare le procedure d’autorizzazione, incrementare l’efficienza energetica, sviluppare le reti elettriche per assorbire e distribuire una quota crescente di elettricità verde.

AllegatoDimensione
scheda_lettura.pdf959.84 KB
istruttoria_normativa.pdf60.02 KB