Anci Toscana: la Scia non si applica all'edilizia

Versione stampabileInvia a un amico

In due note del 17 e 27 settembre 2010 l'Anci Toscana sostiene l'inapplicabilità della segnalazione certificata di inizio attività ex articolo 19 legge 241/1990 alle norme del Dpr 380/2001 (Tu edilizia).

La legge 122/2010 ha modificato l'articolo 19 della legge 241/1990 sostituendo la "dichiarazione di inizio attività" (Dia) con la Scia. Secondo l'Associazione dei Comuni toscani, però, la Scia non sostituisce le norme sulla "denuncia di inizio attività" ex Dpr 380/2001 (Tu edilizia) in quanto corpus organico caratterizzato da regole proprie, in deroga della disciplina generale ex legge 241/1990. La sopravvenienza di una disciplina generale innovativa non ha effetti abrogativi, salva diversa espressa disposizione, sulle previgenti discipline speciali.

Per l'Anci, il mancato coordinamento della disciplina generale sulla Scia con i tradizionali istituti del settore edile (varianti in corso d'opera, sanatorie, oneri, sanzioni) rende necessario, ai fini dell'applicazione della segnalazione certificata all'edilizia, un doveroso intervento legislativo sul Dpr 380/2001.

 

Documenti di riferimento

Nota Anci Toscana 27 settembre 2010

Segnalazione certificata inizio attività - ulteriori indicazioni sulla inapplicabilità alla denuncia di inizio attività in edilizia
Segnalazione certificata inizio attività - Inapplicabilità alla denuncia di inizio attività in edilizia
Chiarimenti sulla applicazione della Scia in edilizia
Diritto di accesso ai documenti amministrativi
Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia - Testo A
"Scia", i primi chiarimenti ufficiali sulla applicazione