Direttiva Commissione Ce 23.05.1995 n. 95/12/Ce

Versione stampabileInvia a un amico
Commissione europea
Versione coordinata con modifiche. Testo vigente al 26-11-2010
 
Modifiche:
Direttiva 96/89/Ce (17-12-1996)

Modalità d'applicazione della direttiva 92/75/Cee per quanto riguarda l'etichettatura indicante il consumo di energia delle lavatrici ad uso domestico

 

LA COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

visto il trattato che istituisce la Comunità europea,

vista la direttiva 92/75/CEE del Consiglio, del 22 settembre 1992, concernente l'indicazione del consumo di energia e di altre risorse degli apparecchi domestici, mediante l'etichettatura ed informazioni uniformi relative ai prodotti 1, in particolare gli articoli 9 e 12,

considerando che, a norma della direttiva 92/75/CEE, la Commissione deve adottare una direttiva di applicazione concernente gli apparecchi domestici, ivi comprese le lavatrici;

considerando che il consumo di energia elettrica delle lavatrici rappresenta una parte considerevole del consumo globale di energia elettrica della Comunità; che il potenziale di riduzione dei consumi energetici di tali apparecchi è notevole;

considerando che un migliore lavaggio richiede spesso un maggior consumo d'acqua e di energia; che le informazioni relative al funzionamento di un apparecchio sono utili per valutare il consumo di energia e di acqua; che saranno di aiuto al consumatore nello scegliere un apparecchio che utilizzi razionalmente l'energia;

considerando che la Comunità, confermando il proprio interesse ad un sistema internazionale di normalizzazione in grado di produrre norme effettivamente applicate da tutti i partecipanti al commercio internazionale e di soddisfare le condizioni di politica comunitaria, invita le organizzazioni europee di normalizzazione a continuare la cooperazione con le organizzazioni internazionali di normalizzazione;

considerando che il Comitato europeo di normalizzazione (CEN) ed il Comitato europeo di normalizzazione elettrotecnica (Cenelec) sono riconosciuti quali organismi competenti per stabilire le norme armonizzate in conformità degli orientamenti generali di cooperazione tra la Commissione e tali organismi, adottati il 13 novembre 1984; che ai sensi della presente direttiva una norma armonizzata è una specifica tecnica (norma europea o documento di armonizzazione) adottata dal Cenelec su mandato della Commissione, conformemente alla direttiva 83/189/CEE del Consiglio, del 28 marzo 1983, che prevede una procedura d'informazione nel settore delle norme e delle regolamentazioni tecniche 2, modificata da ultimo dalla decisione 94/10/CE del Parlamento europee e del Consiglio 3, nonché ai sensi di detti orientamenti generali;

considerando che le misure previste della presente direttiva sono conformi al parere del comitato istituito dall'articolo 10 della direttiva 92/75/CEE,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA

Articolo 1

1. La presente direttiva si applica alle lavatrici ad uso domestico alimentate dalla rete elettrica. Sono escluse:

- le lavatrici senza centrifuga,

- le lavatrici con compartimenti separati per il lavaggio e la centrifugazione (per es.: tubi gemelli), e

- le lavatrici asciugabiancheria combinate.

Sono esclusi gli apparecchi che possono essere alimentati anche da altre fonti di energia.

2. I dati da fornire in applicazione della presente direttiva devono essere misurati in base a norme armonizzate i cui numeri di riferimento siano stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee e per le quali gli Stati membri abbiano pubblicato i numeri di riferimento delle norme nazionali di recepimento. Nell'ambito della presente direttiva, ogni disposizione che preveda l'indicazione di dati relativi al rumore si applica solo se tale indicazione è prescritta dall'articolo 3 della direttiva 86/594/CEE del Consiglio 4. Se del caso, tali dati devono essere misurati in conformità della stessa direttiva.

3. Le norme armonizzate di cui al paragrafo 2 sono stabilite su mandato della Commissione in conformità alla direttiva 83/189/CEE.

4. I termini «distributore», «fornitore», «scheda», «altre risorse essenziali» e «informazioni complementari» sono usati nel senso indicato nella direttiva 92/75/CEE.

Articolo 2

1. La documentazione tecnica di cui all'articolo 2, paragrafo 3 della direttiva 92/75/CEE deve contenere:

- il nome e l'indirizzo del fornitore;

- una descrizione generale dell'apparecchio che consenta di identificarlo univocamente;

- informazioni, eventualmente in forma di disegni, riguardanti le principali caratteristiche progettuali del modello, in particolare quelle che incidono maggiormente sul consumo di energia;

- i risultati delle principali misurazioni effettuate in base alle procedure di prova delle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2;

- le eventuali istruzioni per l'uso.

2. L'etichetta di cui all'articolo 2, paragrafo 1 della direttiva 92/75/CEE deve essere conforme al modello di cui all'allegato I. L'etichetta deve essere apposta esternamente sulla parte anteriore o superiore dell'apparecchio, in modo da essere chiaramente visibile.

3. Il contenuto e la forma della scheda informativa relativa al prodotto, di cui all'articolo 2, paragrafo 1 della direttiva 92/75/CEE, devono corrispondere alle indicazioni dell'allegato II.

4. Quando l'offerta di vendita, locazione o vendita rateale avviene, nelle circostanze indicate all'articolo 5 della direttiva 92/75/CEE, mediante comunicazione stampata (ad esempio un catalogo di vendita per corrispondenza), questa comunicazione deve contenere tutte le informazioni di cui all'allegato III della presente direttiva.

5. La classe di efficienza energetica, di efficacia di lavaggio e di efficienza d'asciugatura dell'apparecchio, indicata nel marchio e nella scheda, deve essere conforme all'allegato IV.

Articolo 3

Gli Stati membri provvedono affinché tutti i fornitori e i distributori stabiliti nel loro territorio adempiano agli obblighi loro incombenti in forza della presente direttiva.

Articolo 4

1. Gli Stati membri adottano e pubblicano le disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva entro il 1° marzo 1996 e ne informano immediatamente la Commissione. Essi applicano tali disposizioni dal 1° aprile 1996.

Tuttavia, gli Stati membri consentono, fino al 30 settembre 1996,

- l'immissione sul mercato, la commercializzazione e l'esposizione di prodotti,

- la distribuzione di comunicazioni stampate ai sensi dell'articolo 2, paragrafo 4, che non sono conformi con la presente direttiva.

Quando gli Stati membri adottano dette disposizioni, queste debbono contenere un riferimento alla presente direttiva o essere corredate da un siffatto riferimento all'atto della pubblicazione ufficiale. Le modalità del riferimento sono decise dagli Stati membri.

2. Gli Stati membri comunicano alla Commissione il testo delle disposizioni di diritto interno da essi adottate nel settore disciplinato dalla presente direttiva.

Articolo 5

La presente direttiva entra in vigore il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee.

Articolo 6

Gli Stati membri sono destinatari della presente direttiva.

Fatto a Bruxelles, il 23 maggio 1995.

Per la Commissione

Christos PAPOUTSIS

Membro della Commissione

 

Allegato I
Etichetta

Modello dell'etichetta

1. L'etichetta deve essere conforme alla versione linguistica adeguata, secondo il seguente modello:

>RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

> RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

> RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>

>RIFERIMENTO A UN FILM>
Note relative all'etichetta

2. Nelle note seguenti sono definite le informazioni da fornire:
Nota

I. Nome o marchio del fornitore.

II. Identificazione del modello di fornitore.

III. La categoria di efficienza energetica di un apparecchio deve essere determinata conformemente all'allegato IV. Essa deve essere sistemata in corrispondenza della relativa freccia.

IV. Fatte salve tutte le disposizioni relative al sistema di etichettatura ecologica della Comunità, per gli apparecchi che abbiano ricevuto un'«etichetta ecologica della Comunità» ai sensi del regolamento (CEE) n. 880/92 del Consiglio (1), è possibile aggiungere qui una riproduzione del contrassegno ecologico. La «Guida per il disegno dell'etichetta delle lavatrici», citata più avanti, specifica come il contrassegno ecologico può essere inserito nell'etichetta.

V. Consumo di energia per ciclo di lavaggio con ciclo normale cotone a 60 °C, conformemente alle procedure di prova delle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

VI. Classe di efficienza del lavaggio sulla base dei valori di cui all'allegato IV.

VII. Classe di efficienza dell'asciugatura sulla base dei valori di cui all'allegato IV.

VIII. Velocità massima di centrifugazione raggiunta durante il ciclo normale per il cotone a 60 °C, conformemente alle procedure di prova delle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

IX. Capacità dell'apparecchio per il ciclo normale per cotone a 60 °C, conformemente alle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

X. Consumo d'acqua per ciclo di lavaggio cotone a 60 °C, conformemente alle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

XI. La rumorosità durante i cicli di lavaggio e di centrifugazione normali a 60 °C, conformemente alla direttiva 86/594/CEE del Consiglio (2).
Nota:

La traduzione nelle altre lingue dei termini impiegati si trova all'allegato V.
Stampa

3. I seguenti criteri definiscono alcuni aspetti dell'etichetta:

>RIFERIMENTO A UN FILM>

Colori usati:

CMGN: cian, magenta, giallo, nero.

Esempio: 07X0: 0 % cian, 70 % magenta, 100 % giallo, 0 % nero.

Frecce:

- A: X0X0

- B: 70X0

- C: 30X0

- D: 00X0

- E: 03X0

- F: 07X0

- G: 0XX0

Contorno colore: X070

Tutto il testo è nero su sfondo bianco.

Informazioni complete in quanto alla stampa sono contenute in una guida (destinata solo all'informazione) per il disegno dell'etichettatura delle lavatrici presso:

Segreteria del comitato regolatore per l'etichettatura di energia ed informazioni uniformi relative agli elettrodomestici

Direzione generale dell'energia XVII

Commissione delle Comunità europee

Rue de la Loi/Wetstraat 200

B-1049 Bruxelles/Brussel

(1) GU n. L 99 dell'11. 4. 1992, pag. 1.

(2) GU n. L 344 del 6. 12. 1986, pag. 24. La relativa norma in materia di misurazione del rumore è EN 60704-2-4 e EN 60704-3.

Allegato II
Scheda

La scheda deve contenere le seguenti informazioni che possono essere inserite in una tabella comprendente diversi apparecchi forniti dallo stesso fornitore, nel qual caso devono essere elencate nell'ordine elencato o riportate accanto alla descrizione dell'apparecchio:

1. Marchio del fornitore.

2. Identificazione del modello del fornitore.

3. La classe di efficienza energetica del modello, di cui all'allegato 4, definita come «classe di efficienza energetica . . . su una scala da A (efficienza massima) a G (efficienza minima)». Se viene usata una tabella, questa informazione può essere espressa in altro modo affinché sia chiaro che la scala va da A (efficienza massima) a G (efficienza minima).

4. Se le informazioni sono fornite sotto forma di tabella, per gli apparecchi che abbiano ricevuto un «marchio comunitario di qualità ecologica» ai sensi del regolamento (CEE) n. 880/92 è possibile aggiungere questa informazione sulla tabella aggiungendo la menzione «marchio comunitario di qualità ecologica», seguita dal contrassegno ecologico. Questa possibilità tuttavia non pregiudica l'applicazione di tutte le disposizioni relative al sistema di assegnazione del marchio comunitario di qualità ecologica.

5. Consumo di energia in kWh per ciclo normale cotone a 60 °C conformemente alle procedure in materia di prove di cui all'articolo 1, paragrafo 2 descritto come «consumo di energia XYZ kWh per ciclo, sulla base dei risultati di prove standard per il ciclo cotone a 60 °C. Il consumo effettivo dipende dal modo in cui l'apparecchio viene usato».

6. Classe di efficienza del lavaggio in base ai valori di cui all'allegato 4. Definita come «Classe di efficacia del lavaggio . . . su una scala da A (più pulito) a G (più sporco)». Questa informazione può essere espressa in altro modo a condizione che sia chiaro che la scala va da A (più pulito) a G (più sporco).

7. Classe di efficacia di centrifugazione (allegato IV) espressa come «Grado di asciugatura . . . su una scala da A (alta) a G (bassa)». Questa indicazione deve essere seguita dalla nota seguente:

«Se utilizzate un'asciugatrice elettrica a tamburo tenete presente che:

- una lavatrice in classe A di efficacia di asciugatura dimezza il costo dell'energia elettrica dell'asciugatrice, rispetto ad una lavatrice in classe G;

- l'asciugatrice elettrica consuma generalmente molto più energia elettrica di una lavatrice».

Questa nota può essere inserita sotto forma di una nota a piè di pagina.

Se viene usata una tabella, questa informazione può essere espressa in altro modo a condizione che sia chiaro che la scala va da A (alta) a G (bassa) e che la nota sui costi di funzionamento sia inclusa nella tabella o in una nota a piè di pagina.

8. Efficienza dell'evacuazione dell'acqua conformemente alle procedure di prova delle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2 in caso di ciclo normale cotone 60 °C. Definita come «Acqua rimanente dopo la centrifuga . . . % (in relazione al peso della biancheria asciutta)».

9. Velocità massima di centrifugazione del ciclo normale cotone a 60 °C, conformemente alle procedure di prova delle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

10. Capacità dell'apparecchio in caso di ciclo normale cotone a 60 °C, conformemente alle procedure di prova delle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

11. Consumo di acqua in caso di ciclo normale cotone a 60 °C, conformemente alle procedure di prova delle norme armonizzate di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

12. Durata del programma in caso di ciclo normale cotone a 60 °C conformemente alle norme di misurazione di cui all'articolo 1, paragrafo 2.

13. I fornitori possono includere altre informazioni, come indicate nei punti 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, ma riguardo ad altri cicli di lavaggio.

14. Il consumo medio annuo di energia e d'acqua sulla base di 200 cicli di lavaggio normali cotone a 60 °C. Definito come «consumo annuo stimato (200 lavaggi con ciclo cotone a 60 °C) di una famiglia di quattro persone».

15. La rumorosità durante il lavaggio e la centrifugazione in caso di ciclo normale cotone a 60 °C, conformemente alla direttiva 86/594/CEE.

Le informazioni dell'etichetta possono essere fornite mediante una riproduzione a colori o in bianco e nero dell'etichetta. In tal caso devono essere inserite anche le informazioni riportate soltanto nella scheda.
Nota:

La traduzione nelle altre lingue dei termini impiegati si trova all'allegato V.

Allegato III
Vendita per corrispondenza o altro tipo di vendita a distanza

I cataloghi di vendita per corrispondenza o le altre comunicazioni scritte di cui all'articolo 2, paragrafo 5 devono contenere nell'ordine le seguenti informazioni:

1. Classe di efficienza energetica (allegato II, punto 3)

2. Energia utilizzata (allegato II, punto 5)

3. Classe di efficienza del lavaggio (allegato II, punto 6)

4. Classe di efficienza dell'asciugatura (allegato II, punto 7)

5. Velocità di centrifugazione (allegato I, nota VIII)

6. Capacità (allegato I, nota IX)

7. Consumo di acqua (allegato I, nota X)

8. Consumo annuo per famiglia tipo di quattro persone (allegato II, punto 14)

9. Rumorosità (allegato I, nota XI)

Qualsiasi altra informazione inserita nella scheda informativa deve essere fornita nella forma definita nell'allegato II e deve essere inserita nell'elenco di cui sopra nell'ordine definito per la scheda.
Nota:

La traduzione nelle altre lingue dei termini impiegati si trova nell'allegato V.

Allegato IV

Classi di efficienza energetica

1. La classe di efficienza energetica di un apparecchio deve essere determinata in base alla seguente tabella:

>SPAZIO PER TABELLA>
2. La classe di efficienza di lavaggio di un apparecchio deve essere determinata in base alla seguente tabella 2:

>SPAZIO PER TABELLA>
3. Le classi di efficienza dell'asciugatura di un apparecchio devono essere determinate in base alla tabella seguente 3:

>SPAZIO PER TABELLA>

Allegato V

>SPAZIO PER TABELLA>

 

 

Note:
GU n. L 297 del 13. 10. 1992, pag. 16. torna su
2 GU n. L 109 del 26. 4. 1983, pag. 8. torna su
3 GU n. L 100 del 19. 4. 1994, pag. 30. torna su
4 GU n. L 334 del 6. 12. 1986, pag. 24. torna su
Fonte: 

Guue 21 giugno 1995 n. L 136