Classificazione delle strade nell'illuminazione pubblica

Versione stampabileInvia a un amico
Illuminazione stradale
di Dario Rossi

La  classificazione  delle  strade  avviene  in  sintonia  e  con riferimento  a  quanto  riportato  nei provvedimenti di legge elencati di seguito.

- Decreto Legislativo 30/04/1992, n. 285 – “Nuovo codice della strada”, pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale - Serie generale” n. 114 del 18 maggio 1992 (Supplemento ordinario n. 74); - Comunicato  Ministeriale  LL.PP.  del 12/04/1995 –  “Direttive  per la redazione, adozione ed  attuazione  dei  piani  urbani  del traffico”, pubblicato  sulla  Gazzetta  Ufficiale  –  Serie generale  n. 146  del 24  giugno  1995  (Suppl.  ordinario  n.  77).  Ministero  dei Lavori Pubblici in attuazione dell’art.36 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n.285;

- Decreto  Ministero delle  Infrastrutture e  dei  Trasporti del 5/11/2001  n. 6792 – “Norme funzionali  e  geometriche  per  la costruzione  delle  strade”,  pubblicato  sulla  Gazzetta ufficiale – Serie Generale del  04/01/2002 n. 3 (Suppl. Ordinario n. 5);

- Decreto  Ministero  delle  Infrastrutture  e  dei  Trasporti  del 22/04/2004  “Modifica  del decreto  5  novembre  2001,  n.  6792, recante  “Norme  funzionali  e  geometriche  per  la costruzione delle strade”,  pubblicato sulla Gazzetta ufficiale 25/06/2004 n. 147;

- Decreto Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 19/04/2006   “Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle intersezioni stradali ”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 170 del 24/07/2006.

Ai fini dell'applicazione delle norme previste dal DLgs n.285 (Nuovo Codice della Strada) con il termine “strada” viene definita l'area ad uso pubblico destinata alla circolazione dei pedoni, dei veicoli e degli animali.

Le  strade,  sempre  secondo  il  Codice  della  Strada,  sono classificate,  riguardo  alle  loro caratteristiche costruttive, tecniche e funzionali, nei seguenti tipi.

A    Autostrade;

B    Strade extraurbane principali;

C    Strade extraurbane secondarie;

D    Strade urbane di scorrimento;

E    Strade urbane di quartiere;

F    Strade locali.

In seguito, con provvedimento del 12 aprile 1995, il Ministero LLPP introduce la classificazione di altri tipi di strade che si possono trovare  in ambito urbano, con funzioni e caratteristiche intermedie rispetto ai tipi precedentemente indicati, quali:

- strade di scorrimento veloce, intermedie tra le autostrade e le strade di scorrimento;

- strade interquartiere, intermedie tra quelle di scorrimento e quelle di quartiere;

- strade locali interzonali, intermedie tra quelle di quartiere e quelle locali, quest’ultime anche con funzioni di servizio rispetto alle strade di quartiere.

 

Requisiti illuminotecnici stradali

La Norma UNI EN 13201 2  del  settembre  2004, che  recepisce  la norma EN 13201 2 – Road Lighting  –  Part  2:  Performance requirements  (2003),  definisce,  per  mezzo  di  requisiti fotometrici,  le  classi  di  illuminazione  delle  strade  indirizzate alle  esigenze  di  visione  degli utenti e ne considera gli aspetti ambientali.

Per tali classi la norma stabilisce pertanto i requisiti (in termini di luminanze, illuminamenti, abbagliamento,  illuminazione circostante)  che  il  progettista  illuminotecnico  deve  rispettare per le diverse tipologie viarie.

Le classi previste sono:

- Classi ME:  Strade con traffico motorizzato (manto stradale asciutto):  

Sono definite le luminanze del manto stradale.

- Classi MEW - Strade con traffico motorizzato (manto stradale asciutto/umido):  Sono definite le luminanze del manto stradale.

- Classi CE - Strade conflittuali con traffico misto: Sono definiti gli illuminamenti orizzontali di aree di conflitto come strade commerciali, incroci principali, rotatorie, sottopassi pedonali.

- Classi S - Strade pedonali e ciclabili:  Sono  definiti  gli illuminamenti  orizzontali per strade e piazze pedonali, piste  ciclabili, parcheggi.

- Classi A - Strade pedonali e ciclabili:  Sono definiti gli illuminamenti emisferici.

- Classi ES - Strade pedonali: Sono definiti gli illuminamenti semicilindrici.

- Classi EV – Strade in presenza di superfici verticali: Sono definiti gli illuminamenti verticali.

Vengono presentate di seguito alcune tabelle (Tabella 2, 3, 4 e 5) riprese dalla Norma UNI EN 13201 2:2004  (“Illuminazione  stradale  –  Parte  2:  Requisiti  Prestazionali”)  relative  alle principali categorie  di  illuminazione:  ME,  CE,  S  e  alla  classe  addizionale EV,  come  sopra specificate, rimandando alla norma stessa per ogni dettaglio ed approfondimento.

Tabella 2   Serie ME di classi di illuminazione (da Norma UNI EN 13201 2:2004)

Tabella 3 - Serie CE di classi di illuminazione (da norma UNI EN 13201-2:2004)

Tabella 5 - Serie EV di classi di illuminazione (da Norma UNI EN 13201-2:2004)

fonte: "LGIlluminazione". Il Documento è stato prodotto da RSE SpA grazie al finanziamento del Fondo di Ricerca per il Sistema Elettrico nell'ambito dell'Accordo di programma tra RSE SpA ed il Ministero dello Sviluppo Economico