Enrive, partner d'alto livello per le aziende venete

Versione stampabileInvia a un amico

È stata presentata Enrive (Energie Rinnovabili Veneto) partecipata al 50% da Veneto Sviluppo, finanziaria della Regione Veneto e da Sinloc, Sistema Iniziative Locali. "La costituzione di Enrive - ha sottolineato il presidente di Veneto Sviluppo, Francesco Borga - risponde all'esigenza di svolgere un ruolo attivo e di promozione degli indirizzi prioritari di politica energetica mirati ad incentivare la produzione di energia elettrica da fonti alternative rinnovabili (biomasse, fotovoltaico, idroelettrico, eolico), l'efficienza energetica e il risparmio energetico. Enrive agirà come partner finanziario e tecnico per le imprese e le istituzioni locali venete che intendono sviluppare progetti in questo ambito, contribuendo così all'individuazione della migliore strutturazione economico-finanziaria delle iniziative".
Alla presidenza di Enrive è stato nominato Matteo Segafredo, esperto dei mercati dell'energia e delle reti energetiche; il Consiglio di Amministrazione è composto, inoltre, per Veneto Sviluppo da Gianpietro Zannoni, imprenditore del settore e per Sinloc da Arturo Lorenzoni, docente della facoltà di Ingegneria dell'università di Padova nonché collaboratore dello Iefe, il centro di ricerca sulla energie e le politiche economiche dell'ambiente della Bocconi.
Enrive svilupperà le iniziative fornendo project management, supporti alla pianificazione procedurale ed economico-finanziaria, oltre che servizi di advisory finanziario a supporto della bancabilità dei progetti. In particolare, Veneto Sviluppo apporterà il proprio contributo in termini di individuazione di progetti sul territorio e nella individuazione di finanziamenti agevolati dedicati al settore delle rinnovabili, mentre Sinloc apporterà l'esperienza maturata nell'elaborazione dei piani economico-finanziari e nell'arrangement finanziario di operazioni complesse.
Ha sottolineato Antonio Rigon: «La partnership fra Veneto Sviluppo e Sinloc intende modificare l'approccio al business: sarà il valore aggiunto, la sostenibilità e la competitività dei progetti a generare nuove risorse finanziarie disponibili, provenienti sia dal sistema finanziario che dai soci stessi».