Una batteria metallo-aria garantisce autonomia di 1600 km alle auto elettriche

Versione stampabileInvia a un amico
 batteria metallo-aria
di Carlo Sala

L’azienda basata in Israele Phinergy, specializzata nello sviluppo di sistemi a basse emissioni, ha annunciato di aver realizzato un prototipo di vettura elettrica con un’autonomia, prima della necessità di ricaricare la batteria, fino a 1.600 chilometri. Diverse le aziende e le università intente a sviluppare batterie litio-aria, che prolungano il tempo di durata della carica e sono più compatte, Phinergy sostiene di aver messo a punto una batteria metallo-aria che comporta un rilascio di anidride carbonica nell’atmosfera minore rispetto agli altri modelli di batterie metallo-aria finora sviluppati. E che pesa il 70% in meno rispetto alle batterie standard.
Catodi ad aria, più leggeri e in grado di catturare l’aria circostante, al posto dei catodi tradizionali (la parte più pesante di ogni batteria) il principio base di tutte le batterie ad aria, quella di Phinergy – sempre secondo le dichiarazioni dell’azienda – riuscirebbe a ridurre l’anidride carbonica grazie a un catalizzatore d’argento attraverso cui l’ossigeno penetra nella cellula e innesca il processo che produce energia. Composta da 50 piastre in alluminio (per un peso complessivo di 25 chilogrammi), ciascuna delle quali in grado di fornire energia per circa 32 chilometri di guida, la batteria richiede una sosta ogni 200 chilometri per rifornire l’impianto d’acqua. Le piastre in alluminio della batteria alluminio-aria hanno una densità energetica di 8 kWh/kg, ma devono essere sostituite una volta esaurite perché non sono ricaricabili. Trattandosi di alluminio, sono tuttavia facilmente riciclabili, mentre la sostituzione della batteria – a detta di Phinergy – è operazione più veloce di un ciclo di ricarica.
Fiduciosa di commercializzare le batterie metallo-aria entro il 2017 e di poterne esternede l’applicazione dalle auto alle barche, Phinergy ritiene che esse si adattino ai veicoli ad autonomia estesa che lavorano con una tradizionale batteria agli ioni di litio. La batteria agli ioni di litio gestirebbe le esigenze energetiche legate all'uso quotidiano, quella alluminio-aria fornirebbe l'energia extra, se e quando necessario.