Market coupling con altri paesi europei

Versione stampabileInvia a un amico
Market coupling
di Felice Lucia

Al fine di implementare entro la fine del 2014 il “Target Model” definito a livello europeo per il mercato del giorno prima, che prevede l’allocazione dei diritti di utilizzo della capacità di interconnessione transfrontaliera tramite il meccanismo di market coupling, è in corso un processo volto ad armonizzare le tempistiche e l’algoritmo di risoluzione del MGP italiano con quelli dei Paesi confinanti. In particolare, dall’analisi comparata dell’attuale disegno di mercato italiano rispetto ai requisiti richiesti per l’implementazione del meccanismo di market coupling con i Paesi confinanti è emersa la necessità di posticipare la chiusura del MGP (c.d. gate closure) alle ore 12.00 e, conseguentemente, la contestuale riorganizzazione delle tempistiche di svolgimento delle sessioni del MI e del MSD.

Alla luce di quanto sopra, il GME e Terna, in esito a un articolato processo di confronto reciproco, hanno sottoposto alla valutazione dei soggetti interessati, per gli aspetti di rispettiva competenza, una proposta di modifica delle tempistiche dei mercati a pronti con l’obiettivo di estendere il market coupling a tutte le frontiere con Paesi membri dell’Unione Europea entro la fine del 2014. In particolare:

•  GME, con il documento per la consultazione n. 01/2014, ha avviato un’apposita consultazione finalizzata alla revisione della disposizione tecnica di funzionamento dei mercati a pronti (di seguito: DTF MPE) disciplinante la “Tempistica delle attività relative alle sessioni di MGP, MI e MSD”;

•  Terna ha posto in consultazione una proposta di modifica del Codice di Rete afferente il Capitolo 4 e l’Allegato A22.

L’esigenza di posticipare la chiusura del MGP dalle ore 09.15 alle 12.00 ha comportato la necessità di riorganizzare gli orari dei mercati successivi a MGP, vale a dire sia delle sessioni di MI che delle sessioni di MSD ex-ante e MB. Oltre alla modifica delle tempistiche delle sessioni attuali, la proposta di GME e Terna prevede l’introduzione di una nuova sessione infragiornaliera di MI (per un totale di 5 sessioni di MI, di cui 3 infragiornaliere) e, di conseguenza, di una nuova e successiva sottofase infragiornaliera di MSD (per un totale di 4 sottofasi di MSD, di cui 3 infragiornaliere).

L’Autorità, con la deliberazione 265/2014/R/eel, ha verificato positivamente le modifiche al Codice di Rete proposte da Terna ai fini della riorganizzazione delle tempistiche dei mercati.

fonte: Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico, RAPPORTO 428/2014/I/EEL