Gli andamenti del mercato italiano del gas nel 2013

Versione stampabileInvia a un amico
gas naturale

di Felice Lucia

Nel 2013 la domanda di gas naturale registra una nuova decisa flessione (-6,3%), dopo quelle altrettanto consistenti del 2012 (-4,2%) e del 2011 (-6,4%), scendendo a livelli inferiori di circa 15 miliardi di mc rispetto agli anni precedenti la crisi economica del 2009. Il settore termoelettrico, penalizzato dalla debole domanda elettrica e dal progressivo sviluppo delle fonti rinnovabili, subisce ancora la contrazione più brusca dei consumi di gas (-15,6%). Sul lato offerta, calano sia la produzione nazionale (-9,5%) che le importazioni (-8,8%). In diminuzione anche il gas naturale negli stoccaggi (-7,5% la giacenza a fine anno).

Nei mercati regolati del gas gestiti dal GME, sono stati complessivamente scambiati 41,5 milioni di MWh (38,0 milioni di MWh nel 2012), di cui 40,8 milioni di MWh sulla Piattaforma di Bilanciamento, al suo secondo anno di attività. I prezzi hanno evidenziato una generale tendenza al ribasso, in linea con il prezzo registrato sul PSV. Nel 2013, i consumi di gas naturale in Italia, al terzo ribasso consecutivo (-6,3% rispetto al 2012), sono scesi a 69.460 milioni di mc (735,1 TWh) ai minimi da oltre 10 anni. I consumi del settore termoelettrico pari a 20.544 milioni di mc, hanno ancora patito una pesante riduzione (-15,6%). Più modesta la flessione dei consumi del settore industriale, pari a 13.154 milioni di mc (-1,4%), pressoché stabili quelli del civile, pari a 33.815 milioni di mc (+0,1%). In calo anche le esportazioni, pari a 1.947 milioni di mc (-27,3%). Le iniezioni nei sistemi di stoccaggio, pari a 9.811 milioni di mc, sono aumentate del 5,5%, ai massimi dal 2007.

Dal lato offerta la produzione nazionale, dopo il rimbalzo del 2012, ha ripreso il trend decrescente, attestandosi, con 7.469 milioni di mc (-9,5%), ai minimi storici. In calo per il terzo anno di fila anche le importazioni di gas naturale che scendono a 61.509 milioni di mc (-8,8%). Il calo degli acquisti di gas dall’estero ha interessato tutti i punti in entrata, ad eccezione di Tarvisio (+27,1%). Le erogazioni dai sistemi di stoccaggio sono aumentate del 31,9% portandosi a 10.293 milioni di mc, livello massimo degli ultimi anni; pertanto la giacenza di gas stoccato dell’ultimo giorno dell’anno, pari a 8.269 milioni di mc, è diminuita del 7,5% rispetto allo stesso giorno del 2012.

La quotazione annuale del gas naturale al PSV, in flessione di 0,75 €/MWh (-2,6%) rispetto al 2012, è scesa a 27,98 €/Mwh.

fonte: www.mercatoelettrico.org