L’Europarlamento a sostegno dell’eolico

Versione stampabileInvia a un amico

A fine ottobre, per la prima volta, il Parlamento Europeo ha votato a favore di una linea di finanziamento esclusivamente dedicata alla ricerca e allo sviluppo dell’energia eolica, assegnando a questa voce 1 milione di euro nel bilancio europeo 2012.
Si è trattato di uno stanziamento poco più che simbolico. ma comunque significativo, perché la nuova linea di finanziamento rientra nel Piano Strategico per lo Sviluppo Tecnologico (Set Plan, adottato nel 2007) e quindi evidenzia l’eolico tra le tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio, utili ad aumentare la sicurezza energetica dell’Europa e a migliorare la competitività dell’apparato industriale europeo.
Nell’ambito di questo Piano, la Commissione Europea, insieme con l’industria del settore e gli Stati membri, ha lanciato nel 2010 un programma decennale di ricerca e sviluppo dell’energia eolica per un totale di 6 miliardi di euro (European Wind Initiative), di cui circa la metà a carico del settore privato, il 20% fornita dagli Stati membri e il 30% (cioè circa 2 miliardi) finanziato dall’Unione Europea.

Con la nuova linea di finanziamento il Parlamento avvia il sostegno della UE verso questa iniziativa, che dovrà allocare risorse per un totale di 1,3 miliardi di euro nel periodo 2014-2020, in aggiunta a quelle già rese disponibili nel quadro finanziario in corso, cioè circa 20 milioni di euro, oltre ai 565 assegnati nell’ambito del “Programma energetico europeo per la ripresa economica”.