240 milioni dalla Bei per il rigassificatore di Livorno

Versione stampabileInvia a un amico
di Paolo D'Agostino

La Banca europea per gli investimenti finanzierà il progetto della piattaforma toscana stanziando 240 milioni di euro, che verranno concessi ad Iren per terminare la piattaforma marina, attualmente in costruzione a circa 22 km dalla costa toscana. Iren possiede il 46.8% di Olt offshore toscana, la società promotrice del progetto ed è in possesso delle autorizzazioni per ultimare il progetto. L'altra parte delle quote è di proprietà della E. On, gruppo energetico tedesco.

Il progetto darà inizialmente l'opportunità d'importare 3.7 miliardi di metri cubi di gas naturale liquefatto (Lng, liquified natural gas), che sarà trasportato dalle navi metaniere. L'impianto riporterà il gas liquiefatto allo stato gassoso, immagazzinandolo nei depositi di stoccaggio. Infine,un condotto di 30 km - in parte sottomarino - collegherà la piattaforma alla rete di istribuzione italiana, immettendo il metano rigassificato sul territorio nazionale. Il progetto di Livorno è stato lanciato per implementare le importazioni di gas.