Regolamenti edilizi comunali energeticamente efficienti

Versione stampabileInvia a un amico
Edilizia
di Felice Lucia

Sono 1.003 i Comuni in Italia nei quali si sono introdotte innovazioni che riguardano l’energia e la sostenibilità in edilizia: si tratta del 12,4% del totale dei Comuni italiani per una popolazione complessiva che supera i 22,5 milioni di abitanti. L’incremento è costante negli anni: quasi 5 volte in più rispetto ai 188 Comuni del 2008, mentre erano 705 nel 2010 e 855 nel 2011.

Al fine di valutare caratteristiche e differenze dei Regolamenti Edilizi, sono stati considerati i seguenti parametri:

• recupero e riutilizzo delle acque grigie;

• ventilazione meccanica controllata;

• materiali innovativi;

isolamento termico;

• tecnologie per migliorare l’efficienza energetica degli impianti;

• ricorso alle rinnovabili;

• recupero delle acque piovane e risparmio idrico;

• uso di materiali da costruzione riciclabili e/o locali;

• orientamento e schermatura dell’edificio, isolamento acustico;

• permeabilità dei suoli;

• prestazioni dei serramenti;

• contabilizzazione individuale del calore;

certificazione energetica.

In particolare, per ognuno dei parametri elencati all’interno dei Regolamenti Edilizi si è verificato se l’indicazione fosse un obbligo, se prevedesse un incentivo (specificando qualora possibile la tipologia) ma senza obblighi o se fosse semplicemente promossa. Ben 679 sono i Regolamenti che appartengono a Regioni del Nord, dove è comunque presente una grande quantità di Comuni, mentre al Centro se ne riscontrano 247 ed al Sud 77. Gli abitanti coinvolti dai Regolamenti Edilizi sono in totale 22.538.589 su un totale nazionale di 59.394.207.

fonte: ENEA, "RAPPORTO ANNUALE EFFICIENZA ENERGETICA 2012", dicembre 2013