Zanonato e le prossime tappe nel settore dell'energia in Italia

Versione stampabileInvia a un amico
Zanonato

Ci sono strorture come gli oli vegetali

Il ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, dice ''basta con le storture'' delle bollette elettriche. A giudizio del ministro, inoltre, occorre ''allineare il nostro costo dell'energia su soglie piu' competitive''. La linea da seguire, ha aggiunto, ''e' in gran parte tracciata: e' stata recentemente definita una Strategia energetica nazionale, con obiettivi e priorita' chiare, che condividiamo''.
Infine nella riunione di Confisustria di ieri ha aggiunto: "Occorre allineare il costo dell'energia su soglie piu' competitive" sottolineando l’impatto sul sistema derivante dalle "storture delle bollette". Il ministro ha poi parlato anche delle prospettive internazionali come quella legata alla rivoluzione dello shale gas "che rischia di mettere il nostro sistema produttivo in condizioni di ulteriore svantaggio competitivo". Per il gas occorre rendere strutturale l'allineamento prezzi a quello europeo attraverso l'accelerazione del mercato a termine, l'integrazione con i mercati europei, il rafforzamento delle infrastrutture con "interventi mirati e selettivi" come rigassificatori, stoccaggi e corridoio sud "per il quale scommettiamo su una vittoria della rotta italiana". Quanto al settore elettrico è necessario "incidere su fattori strutturali definendo un mercato pienamente competitivo, eliminando i colli di bottiglia della rete interna, rimuovendo oneri impropri e azzerando le rendite di posizione ancora presenti: un recente decreto del mio ministero ha rivisto il concetto di settore energivoro, razionalizzando e ampliando lo sconto sugli oneri di sistema. Lo sconto vale circa 600 milioni sulla bolletta energetica ed interessa 7-8mila realtà industriali". Tornando alle storture dei costi il ministro ha fatto l'esempio dell'impiego dell'olio di palma usato per produrre energia che costa al sistema 250 milioni di euro. E ancora: "non è possibile che in Sicilia elettricità costi il 30% in piu' perche' non si costruisce un elettrodotto che si puo' costruire rapidamente.