Il nuovo scenario energetico della generazione distribuita in Italia

Versione stampabileInvia a un amico
GD

Cresce la produzione da rinnovabili e il contributo rispetto ai consumi, si riduce quella da termoelettrico (- 61 TWh tra il 2007 e il 2012), calano le importazioni di fonti fossili per la produzione elettrica e le emissioni del settore.
Di seguito il contributo delle rinnovabili rispetto i consumi elettrici:

Nel grafico la Produzione lorda da fonti rinnovabili rispetto al Consum interno lordo (CIL) = Produzione lorda + saldo estero - produzione da pompaggi.
Calano i consumi energetici (-5% nell’elettrico rispetto al 2007, -11,4% nei consumi di carburante rispetto al 2010) con modifiche all’interno dei settori di domanda e nella produzione per fonte.

Continua la crescita del parco termoelettrico, con 81mila MW di centrali termoelettriche a cui vanno aggiunti almeno 50mila MW da fonti rinnovabili, ma consumi in calo e un record assoluto di consumi di elettricità a 56mila MW richiesti a Dicembre 2007.

Cresce la spesa energetica per i cittadini e le imprese.con dinamiche influenzate dall’aumento del prezzo del petrolio, da sussidi a fonti fossili e altri oneri, dagli incentivi alle fonti rinnovabili.

.Gli obiettivi stabiliti dall’Unione Europea per la CO2 e le rinnovabili al 2020 sono a portata di mano, ora è il momento di guardare oltre costruendo le condizioni per una crescita con obiettivi più ambiziosi fino al 2050 per una economia sempre più moderna e low carbon.