BIOENERGY EXPO, INNOVAZIONE DINAMICA A VERONA PIU’ OFFERTA PER L’AGRICOLTURA CHE GUARDA L’ENERGIA

Versione stampabileInvia a un amico

Con un patrimonio di 20 miliardi di euro, le agroenergie rappresentano ormai una fonte di reddito complementare alle tradizionali attività agricole. Cresce il numero di espositori a Bioenergy Expo: oltre 160. Una panoramica completa sul mondo delle rinnovabili in agricoltura: energia da biogas e grassi animali, biomasse vegetali, potature da alberi da frutto e dal verde pubblico, filiere agro-energetiche e terziarizzazione del servizio di cippatura, bioetanolo di seconda generazione.

Verona 2-3-4-5 febbraio

Le energie rinnovabili si danno appuntamento a Veronafiere, con Bioenergy Expo (www.bioenergyweb.it), il salone dedicato alle fonti energetiche verdi di origine agricola. La manifestazione costituisce un salone rilevante di Fieragricola, posizionato nel padiglione 10, oltre ad un’area esterna dinamica (di fronte al padiglione 8).
Con un patrimonio di 20 miliardi di euro, le agroenergie rappresentano ormai una fonte di reddito complementare alle radizionali attività agricole, con un risvolto positivo anche sul fronte occupazionale: secondo la Federazione italiana dei produttori di energia da fonti rinnovabili, infatti, il comparto dovrebbe offrire 600mila posti di lavoro (tra diretti e indiretti) entro il 2020.
Espositori.
Bioenergy offre una panoramica completa sul mondo delle rinnovabili in agricoltura: energia da biogas e grassi animali, biomasse vegetali, potature da alberi da frutto e dal verde pubblico. E ancora, filiere agro-energetiche e terziarizzazione del servizio di cippatura, bioetanolo di seconda generazione.
Innovazione dinamica.
Numerose le innovazioni in campo energetico e i progetti sostenibili
che verranno presentati durante Bioenergy, alcuni con ricadute dirette sulla comunità, non soltanto agricola. Basti pensare al progetto di Rinnova Green Energy sul legno in cialda, alla codigestione attraverso idrolisi (Veolia Water Solutions & Technologies), alla riduzione dell’azoto con idro-depurazione.
Bioenergy Expo sarà dunque una bussola per orientarsi nel vasto panorama delle energie da fonti rinnovabili in agricoltura, scoprendo tecnologie che si evolvono con grande rapidità.
Sempre con la formula dell’esposizione dinamica, caratteristica ormai consolidata sia di Bioenergy Expo che di Fieragricola.
I convegni.
Fra i vari focus e approfondimenti, ospitati nell’Area forum di Bioenergy (padiglione 10), si parlerà del Kw di territorio, impianti a biomassa e reti energetiche, in programma giovedì 2 febbraio alle 9,30; del peso delle politiche agroenergetiche sul reddito delle aziende agricole (giovedì 2, ore 14,30); teleriscaldamento a biomasse legnose, normative e opportunità (venerdì 3, ore 10), biogas 2013 (sabato 4, ore 10). Venerdì3 febbraio sarà anche la prima giornata del biometano, in collaborazione con Aiel, Cib, Agroenergia, Crpa; cogenerazione (domenica 5 febbraio, ore 10) e olio di colza e girasole (domenica 5, ore 11).