Contributi governativi per incentivare l'energia pulita nei rifugi di montagna

Versione stampabileInvia a un amico
di Mara Martini

Il 2013 si apre con un’interessante opportunità per i proprietari e gestori dei rifugi di montagna. Almeno, per i titolari dei rifugi appartenenti alle categorie C, D ed E ( vale a dire le costruzioni più remote, quelle che non sono raggiungibili attraverso strade rotabili od altro mezzo meccanico di pubblico servizio – fatta eccezione per le sciovie). Il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti pubblicato il bando di concorso per l’assegnazione degli incentivi per l’efficientamento del parco generatori elettrici nei rifugi montani, sulla scorta di quanto disposto dal Decreto Legge n. 40 del 25 marzo 2010 e s.s. m.m. e i.i. ( vd. Allegato).

Per quanto riguarda i requisiti soggettivi, la normativa consente l’accesso ai benefici a tutti coloro che risultino proprietari degli immobili alla data di presentazione della domanda, ma anche ai soggetti che esercitino a proprie spese la gestione del rifugio per un periodo non inferiore a cinque anni decorrenti dalla detta data di presentazione. Mentre operano come fattori impedienti: il trovarsi sottoposti a procedure concorsuali, liquidazione o scioglimento di società; ovvero il non essere in regola con gli obblighi contributivi o rispetto alla normativa edile-urbanistica, alle leggi sul lavoro, sulla prevenzione degli infortuni e sulla tutela dell’ambiente.

Gli interventi sovvenzionabili – da avviarsi successivamente alla presentazione della domanda e da concludersi nel termine  di 18 mesi – sono quelli di installazione di impianti solari-fotovoltaici, di aerogeneratori, di costruzione di piccole centrali idroelettriche e di predisposizione di gruppi elettrogeni a biogas con potenza inferiore a 30 kw. Per un “monte – incentivi” complessivo di 1 milione di euro e un tetto massimo di contributi accordabili per ciascun intervento di 40.000 euro.  

Le domande, redatte utilizzando l'apposito modulo allegato al bando e spedite con raccomandata A/R, potranno essere inoltrate dal 28 gennaio al 27 febbraio 2013. 

AllegatoDimensione
Testo_DM_02082012.pdf1.34 MB