L'eolico non rientra tra le principali cause di mortalità dell'avifauna

Versione stampabileInvia a un amico
Wind turbines

Un recente articolo su Bloomerg riporta su base scientifica l’irrilevanza delle turbine eoliche sui tassi di mortalità degli uccelli

Un recente articolo su Bloomberg evidenzia quanto sia infondata l’idea che le turbine eoliche comportino un notevole impatto sulla conservazione delle specie ornitiche. Difatti, riportando i risultati ottenuti da numerose pubblicazioni scientifiche, risulta evidente quanto i tassi di mortalità avifaunistica dovuti agli impatti con le turbine eoliche siano insignificanti rispetto alle principali cause di mortalità che sono gli impatti con i veicoli, i gatti, le linee dell’alta tensione e soprattutto gli impatti con le finestre degli edifici.

Un altro studio scientifico recentemente pubblicato (Bird–building collisions in the United States: Estimates of annual mortality and species vulnerabilità) stima che solo negli Stati Uniti attualmente muoiono tra i 365 milioni e i 988 milioni di uccelli ogni anno a causa di collisioni con edifici e case, al punto che molte città e Stati americani, come San Francisco e il Minnesota, hanno adottato standard di costruzione che promuovano la sicurezza degli uccelli.

Che le turbine eoliche abbiano un impatto negativo sull’avifauna, provocando addirittura delle stragi, rientra tra i cosiddetti falsi miti dell’eolico, creati dai nemici dell’eolico, che tanto temono la diffusione di una tecnologia in grado di  produrre energia elettrica pulita e amica dell’ambiente.

Tentare di bloccare lo sviluppo dell’eolico, l’energia del futuro, è miope e arrogante e questo atteggiamento non salverà il Pianeta.  L’ente inglese per la protezione degli uccelli (Society for the Protection of Birds - RSPB) ha detto “I Cambiamenti climatici rappresentano la più grande minaccia a lungo termine per i volatili e per altre specie. Quella eolica è la tecnologia più avanzata tra le rinnovabili, disponibile in larga scala oggi. La RSPB supporta la crescita significativa della produzione di energia eolica onshore e offshore nel RegnoUnito." Considerando i benefici che l’eolico comporta all’avifauna contrastando i cambiamenti climatici grazie alle mancate emissioni di gas serra, il WWF ha pubblicato un Report (A Climate Risk Report. Bird Species and Climate Change. The Global Status Report) che, sulla base di più di 200 lavori scientifici, constata gli ingenti impatti dei cambiamenti climatici sull’avifauna in ogni parte del globo, evidenziando come gli scienziati hanno trovato popolazioni in declino fino al 90% o con insuccesso riproduttivo totale e senza precedenti.

A causa dei cambiamenti climatici oggi 985 specie di volatili sono in via di estinzione e la fonte eolica permette di risparmiare 5 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno.

fonte: ANEV